Seleccionar página
M.V.C.
02 nov, 22

Blog

santo expeditus

Candele ai defunti: significato

Le candele hanno un ruolo importante nella Chiesa cattolica e le loro origini risalgono a molti secoli fa. Nell'Antico Testamento, la luce era un simbolo di fede. Con l'avvento di Gesù, questo simbolismo si è arricchito di nuovi significati fondamentali per la vita del cristiano. La luce, un riflesso dello Spirito di Dio.

Gesù disse ai suoi discepoli: "Io sono la luce vera" e "Voi siete la luce del mondo... Fate risplendere la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e glorifichino il Padre vostro che è nei cieli", Mt 5,16.

La tradizione di accendere candele in casa per i defunti è un modo possibile per mantenere vivo il loro ricordo. La luce rappresenta anche l'unione tra i vivi e i defunti. La fede è il miglior rifugio per coloro che devono attraversare il processo di superare il lutto di una perdita di qualsiasi tipo e particolarità. E la candela accesa simboleggia Gesù come Luce del Mondo.. Luce che anche noi vogliamo condividere e offrire a Dio.

Accensione di candele per i defunti

Agli albori del cristianesimo, sulle tombe dei santi defunti, in particolare dei martiri, si accendevano candele o lampade a olio, utilizzando il simbolismo della luce come rappresentazione di Gesù Cristo. "In lui c'era la vita e la vita era la luce degli uomini", Giovanni 1:4.

Ecco perché oggi siamo abituati ad accendere le candele per i defunti, mettendo nelle mani di Dio la preghiera che offriamo con fede.. Simboleggia anche il desiderio di rimanere lì, con loro, con Dio, pregando e intercedendo per le nostre necessità e per quelle del mondo intero, ringraziando, lodando e adorando Gesù. Perché dove c'è Dio non ci possono essere tenebre.

C'è una dimensione intima, legata all'accensione delle candele per i nostri defunti, che riguarda ognuno di noi e il nostro dialogo silenzioso con Dio. Questa candela accesa diventa il simbolo del fuoco divino che arde in ognuno di noi.La luce di cui Gesù è simbolo, ma di cui tutti noi, come cristiani, facciamo parte, ci rende parte integrante di quella luce.

Accendere le candele per i defunti in casa: significato e giorni in base al colore - The CARF Blog - Accendere la candela in bianco e nero

"Nella luce della fede, supplichiamo la Beata Vergine Maria di pregare con noi. E che interceda presso Dio per le nostre preghiere".

Il significato cristiano dell'accensione delle candele

Le candele liturgiche sono legate alla ferma fede in Gesù Cristo come "luce che illumina il mondo". Di nuovo Gesù parlò loro dicendo: "Io sono la luce del mondo; chi segue me non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita", Giovanni 8,12.

Accendere le candele significa, in questo caso, la conoscenza di Dio che è una guida nelle tenebre. e che, attraverso il suo Figlio che scende su di noi, ci apre gli occhi e ci rende degni della sua presenza, della sua considerazione.

Ecco perché nella Chiesa cattolica le candele sono poste sull'altare e vicino al tabernacolo. Accompagnano le celebrazioni e sono utilizzati in quasi tutti i sacramenti, dal Battesimo all'Estrema Unzione, ad eccezione del sacramento della Riconciliazione, come elementi simbolici insostituibili.

Il cero pasquale

Viene accesa durante la Veglia Pasquale, la Santa Messa celebrata il Sabato Santo, dopo il tramonto e prima dell'alba della Domenica di Pasqua, per celebrare la resurrezione di Gesù. Viene poi lasciato sull'altare per tutto il periodo pasquale e spento a Pentecoste.

È illuminata come segno della luce risorta di Cristo, che torna dai morti per illuminare il cammino dei suoi figli e offrirsi per la loro salvezza.

Candela battesimale

Durante il BattesimoIl sacerdote presenta una candela, che è stata accesa con il cero pasquale.

La candela bianca nel sacramento del Battesimo è un simbolo che rappresenta la guida nel cammino di incontro con Cristo. che a sua volta è la luce della nostra vita e la luce del mondo. Simboleggia anche la resurrezione di Cristo.

Candele votive

Deriva dal latino votumche significa promessa, impegno o semplicemente preghiera.

Sono le candele accese dai fedeli davanti a un altare, un crocifisso, un'immagine della Vergine Maria, un'immagine della Madonna. Vergine Maria o di un santo. Hanno un significato preciso: esprimono il desiderio di affidare le nostre parole e i nostri pensieri. Queste candele accese sono comuni nella maggior parte delle chiese. Servono un'offerta, un'intenzione particolare e sono accompagnati da un momento di preghiera personale.

Candela del tabernacolo

La luce che illumina il Tabernacolo, indicando la presenza del Signore. Corpo di Cristo è facilmente riconoscibile da qualsiasi cristiano che entri in una chiesa.

Oggi in molti luoghi è una lampada, non una candela, ma è comunque una delle più importanti e preziose: la fiamma ardente che simboleggia Gesù e la fede di chi lo ama. Una luce inesauribile che rimane accesa anche quando lasciamo la chiesa.

Candele dell'Avvento

La corona d'Avvento, un'usanza europea, è nata a metà del XIX secolo per scandire le settimane che precedono il Natale.

Si tratta di una corona di rami di sempreverde intrecciati che regge quattro candele. Ogni domenica di Avvento si accende una candela e si recita una preghiera accompagnata da una lettura della Bibbia e si può cantare un canto.

Candele d'altare

Vengono utilizzati durante la Santa Messa almeno dal XII secolo. Queste candele ci ricordano i cristiani perseguitati nei primi secoli che celebravano segretamente la Messa di notte o nelle catacombe a lume di candela.

Possono essere utilizzati anche nella processione di ingresso e di chiusura della Massa. Vengono portati dove viene letto il Vangelo come segno di gioia trionfale alla presenza delle parole di Cristo.

Accendere le candele per i defunti in casa: significato e giorni in base al colore - The CARF Blog - significato dell'accensione di candele rosse

Durante la Veglia Pasquale, quando il diacono o il sacerdote entra nella chiesa oscurata con il cero pasquale, recita o canta Luce di Cristo, a cui i fedeli rispondono: Rendiamo grazie a Dio. Questa canzone ci ricorda come Gesù sia venuto nel nostro mondo di peccato e morte per portarci la luce di Dio.

Accensione delle candele di lutto

Questa antica usanza era già praticata dai Romani, ancor prima dagli Etruschi e, ancora più indietro, dagli Egizi e dai Greci, che utilizzavano le candele per i riti funebri. Nella religione cristiana, visitare la tomba di una persona cara, portando fiori e fermandosi a pregare, è di conforto e consolazione.

Poiché le candele sono sentinelle pulsanti, piccoli frammenti di luce che tracciano la via della pace per i nostri cari defunti, è quindi buona abitudine accendere candele a lutto e lasciarle sulle lapidi per illuminare la notte dei cimiteri. Nella luce della candela che si spegne, nutrendosi della sua stessa cera, riconosciamo la vita umana che si sta lentamente spegnendo.

L'offerta che lasciamo accendendo le candele del lutto è un sacrificio che accompagna la nostra preghiera con i fatti e rende tangibile la nostra intenzione di fede. Protezione, quindi, e guida: queste sono le funzioni principali dell'accensione delle candele di lutto. Che ogni anno si usa riaccendere il 1° novembre, Il giorno di Ognissanti e il 2 il giorno di Tutte le Anime.

Giorni di accensione delle candele in base al colore

Le candele hanno un ruolo importante nella benedizione delle ceneri e delle fronde di palma. Domenica delle Palme. Anche nei sacramenti, nella consacrazione di chiese e cimiteri e nella messa di un sacerdote appena ordinato. Per colore e per giorno, le candele possono aiutarci a valorizzare e stimolare i momenti di preghiera.

Queste candele che accendiamo, possono essere benedette da un sacerdote per aiutarci a pregare per i malati e metterci nelle mani di Dio.

  • Lunedì: bianco
  • Martedì: rosso
  • Mercoledì: giallo
  • Giovedì: lilla o viola
  • Venerdì: rosa
  • Sabato: verde
  • Domenica: arancione

Candele bianche

Nel II secolo, furono i Romani a decidere che il colore ufficiale del lutto fosse il bianco. Un colore riconosciuto dalle regine europee fino al XVI secolo. Il lutto bianco ci ricorda il pallore della morte e quanto siamo fragili di fronte ad essa, riaffermando la purezza della nostra anima.

Per simboleggiano il tempo dell'attesa e della preparazione, ad esempio possiamo accendere le candele bianche della corona d'Avvento durante la cena di Natale.. Nel frattempo possiamo pregare come famiglia chiedendo che il Bambino Gesù nasca nel cuore di ogni membro della famiglia.

È anche bianco, il cero pasquale. Forse il più riconoscibile per le sue dimensioni e il suo aspetto, in quanto può superare il metro di altezza e presenta disegni colorati.

Candele rosse

Nell'Antico Egitto, il colore rosso era considerato un simbolo di rabbia e fuoco. Era anche associato al deserto, un luogo associato alla morte. Nell'Antica Roma era associato al colore del sangue versato ed era legato al lutto e alla morte.

Ad esempio, accendere le candele rosse, rosa o bordeaux sulla corona d'Avvento rappresenta il nostro amore per Dio e l'amore di Dio che ci circonda. Corrispondono alla terza domenica di Avvento e il loro significato è di gioia e allegria, perché la nascita di Gesù è vicina.

Candele nere

Nel 1502, i Re Cattolici imposero che il nero fosse il colore ufficiale del lutto. Tutto questo è riportato nella "Pragmática de Luto y Cera", un protocollo scritto su come si svolgeva il lutto all'epoca.

I sacerdoti, il sorriso di Dio sulla terra

Date un volto alla vostra donazione. Aiutaci a formare sacerdoti diocesani e religiosi.

Articoli correlati