Seleccionar página
CARF
27 Ott, 22

Blog

santo expeditus

L'amicizia tra due santi: San Giovanni Paolo II e Padre Pio

Molti penitenti si sono confessati da San Padre Pio da Pietrelcina, tra cui l'amato San Giovanni Paolo II. Dopo quell'incontro, la loro amicizia è continuata nonostante la distanza. Il Papa scrisse almeno tre lettere a Padre Pio chiedendo il suo aiuto e le sue preghiere per i malati. In questo modo, Giovanni Paolo II è stato testimone di due miracoli ottenuti per intercessione del frate cappuccino.

Padre Pio, generoso dispensatore della misericordia divina

Cappuccino italiano (1887-1968), canonizzato nel 2002 con un'imponente cerimonia da San Giovanni Paolo II con il nome di San Pio da Pietrelcina, questo santo sacerdote ha ricevuto uno straordinario dono spirituale per servire il popolo di Dio. Questo dono segnò la sua vita, riempiendola di sofferenze, non solo quelle fisiche causate dalle stimmate, ma anche quelle morali e spirituali causate da coloro che lo consideravano pazzo o imbroglione.

La realtà è che questo santo ha aiutato migliaia di persone a tornare alla fede, a convertirsi e ad avvicinarsi a Dio. Padre Pio ha compiuto guarigioni sorprendenti. E predizioni difficili da verificare, come quella che fece allo stesso Karol Wojtyla, prevedendo il suo futuro papato. Il francese Emanuele Brunatto ha attribuito allo stesso dono della profezia il merito di avergli permesso di scoprire di volta in volta ciò che sarebbe accaduto. È Gesù", ha spiegato Padre Pio, "che a volte mi fa leggere il suo quaderno personale...".

Privilegio del penitente

Nella Messa di canonizzazione del 16 giugno 2002 in Piazza San Pietro in Vaticano, San Giovanni Paolo II ha affermato che "Padre Pio è stato un generoso dispensatore della misericordia divina, mettendosi a disposizione di tutti con la sua ospitalità, la sua accoglienza, il suo amore per i poveri, la sua guida spirituale e soprattutto l'amministrazione del sacramento della penitenza. Anch'io, in gioventù, ho avuto il privilegio di beneficiare della sua disponibilità verso i penitenti. Il ministero del confessionale, che è uno dei tratti distintivi del suo apostolato, attirava innumerevoli folle di fedeli al convento di San Giovanni Rotondo".

L'amicizia tra due santi a distanza: San Giovanni Paolo II e Padre Pio

Karol Wojtyla in preghiera sulla tomba di Padre Pio a San Giovanni Rotondo.

Come si sono conosciuti San Giovanni Paolo II e Padre Pio?

Il rapporto tra Padre Pio e San Giovanni Paolo II non è dovuto solo al fatto che le cerimonie di beatificazione e canonizzazione del frate cappuccino si sono svolte durante il pontificato del Papa polacco, ma anche perché nel 1948 Karol Wojtyla incontrò Padre Pio a San Giovanni Rotondo.

Il primo incontro tra due santi

Nell'aprile del 1948 Karol Wojtyla, appena ordinato sacerdote, decise di incontrare Padre Pio. "Sono andato a San Giovanni Rotondo per vedere Padre Pio, per assistere alla sua Messa e, se possibile, per confessarmi con lui. Questo primo incontro fu molto importante per il futuro Papa. Ciò si riflette anni dopo in una lettera di suo pugno, scritta in polacco, al Padre Guardiano del convento di San Giovanni Rotondo: "Ho parlato con lui di persona e ho scambiato qualche parola, è stato il mio primo incontro con lui e lo considero il più importante. Mentre Padre Pio celebrava il EucaristiaSull'altare di San Giovanni Rotondo si è compiuto il sacrificio di Cristo stesso e, durante la confessione, Padre Pio ha offerto un discernimento chiaro e semplice, rivolgendosi al penitente con grande amore".

Le dolorose ferite di Padre Pio

Il giovane sacerdote era interessato anche alle ferite di Padre Pio: "L'unica domanda che gli feci fu quale ferita gli faceva più male. Ero convinto che fosse quella sul cuore, ma Padre Pio mi sorprese quando mi disse: "No, quella che mi fa più male è quella sulla schiena, quella sul fianco destro". Questa sesta ferita nella spalla, come quella subita da Gesù portando la croce o la patibolo sulla strada del Calvario. Era la piaga "che faceva più male", perché si era incancrenita e "non era mai stata curata dai medici".

Le lettere che legano San Giovanni Paolo II e Padre Pio risalgono al periodo del Concilio.

La lettera, datata 17 novembre 1962, diceva: "Venerabile Padre, le chiedo di pregare per una quarantenne madre di quattro figlie che vive a Cracovia, in Polonia. Durante l'ultima guerra è stata nei campi di concentramento in Germania per cinque anni e ora è in grave pericolo di salute, persino di vita, a causa del cancro. Pregate affinché Dio, attraverso l'intervento della Beata Vergine, mostri misericordia verso di lei e la sua famiglia. In Christo obligatissimus, Carolus Wojtyla".

In quel periodo, monsignor Wojtyla si trovava a Roma e ricevette la notizia della grave malattia di Wanda Poltawska. Convinto che la preghiera di Padre Pio avesse un potere speciale presso Dio, decise di scrivergli per chiedere aiuto e preghiere per la donna, madre di quattro figlie. Questa lettera giunse a Padre Pio tramite Angelo Battisti, funzionario della Segreteria di Stato vaticana e amministratore della Casa Sollievo della Sofferenza. Egli stesso racconta che, dopo aver letto il contenuto, Padre Pio pronunciò la famosa frase: "A questa non posso dire di no", e aggiunse: "Angelo, conserva questa lettera perché un giorno sarà importante".

Grazie per la guarigione

Pochi giorni dopo, la donna è stata sottoposta a un nuovo esame diagnostico che ha mostrato che il tumore canceroso era completamente scomparso. Undici giorni dopo, Giovanni Paolo II le scrisse nuovamente una lettera, questa volta per ringraziarla. La lettera diceva: "Venerabile Padre, la donna che vive a Cracovia in Polonia, madre di 4 bambine, è guarita improvvisamente il 21 novembre prima dell'operazione chirurgica. Ringraziamo Dio e anche lei, Venerabile Padre. Esprimo i miei più sinceri ringraziamenti a nome della signora, di suo marito e di tutta la famiglia. In Cristo, Karol Wojtyla, vescovo capitolare di Cracovia". In quell'occasione il frate disse: "Lode al Signore!

"Guardate la fama che Padre Pio ha raggiunto, i seguaci che ha raccolto intorno a sé da tutto il mondo. Ma perché? Perché era un filosofo? Perché era un uomo saggio? Perché aveva i mezzi? Niente di tutto questo: perché diceva la Messa umilmente, ascoltava le confessioni dalla mattina alla sera ed era, è difficile dirlo, un rappresentante sigillato con le piaghe di Nostro Signore. Un uomo di preghiera e di sofferenza.

Papa San Paolo VI, febbraio 1971.

Le visite di San Giovanni Paolo II alla tomba di Padre Pio

Wojtyla tornò a San Giovanni Rotondo in altre due occasioni. La prima, come cardinale di Cracovia, nel 1974, e la seconda, quando divenne Papa, nel 1987. In questi due viaggi visitò le spoglie di Padre Pio e pregò in ginocchio sulla tomba del frate cappuccino. Nell'autunno del 1974, l'allora cardinale Karol Wojtyla era di nuovo a Roma e, "all'avvicinarsi della data dell'anniversario della sua ordinazione sacerdotale (1° novembre 1946), decise di commemorare l'anniversario a San Giovanni Rotondo e di celebrare il Massa alla tomba di Padre Pio. Per una serie di vicissitudini (il 1° novembre era particolarmente piovoso) il gruppo composto da Wojtyla, Deskur e altri sei sacerdoti polacchi subì un certo ritardo, arrivando in serata intorno alle 21. Purtroppo Karol Wojtyla non poté esaudire il suo desiderio di celebrare la Messa sulla tomba di Padre Pio il giorno della sua ordinazione sacerdotale. Purtroppo Karol Wojtyla non ha potuto realizzare il suo desiderio di celebrare la Messa sulla tomba di Padre Pio il giorno della sua ordinazione sacerdotale. Così l'ha fatto il giorno dopo. Stefano Campanella, direttore di Padre Pio TV.

Amore per i penitenti

Padre Pio "aveva un discernimento semplice e chiaro e trattava il penitente con grande amore", scrisse quel giorno Giovanni Paolo II nel libro dei visitatori del convento di San Giovanni Rotondo.

Nel maggio 1987, San Giovanni Paolo II, oggi Papa, visitò la tomba di Padre Pio in occasione del primo centenario della sua nascita. Davanti a più di 50.000 persone, Sua Santità ha proclamato: "La mia gioia per questo incontro è grande, e per diverse ragioni. Come sapete, questi luoghi sono legati a ricordi personali, cioè alle mie visite a Padre Pio durante la sua vita terrena, o spiritualmente dopo la sua morte, sulla sua tomba".

San Pio da Pietrelcina

Il 2 maggio 1999, Giovanni Paolo II ha beatificato il frate stigmatizzato e il 16 giugno 2002 lo ha proclamato santo. Il 16 giugno 2002, Sua Santità Giovanni Paolo II lo ha canonizzato come San Pio da Pietrelcina. Nell'omelia della sua santificazione, Giovanni Paolo recitò la preghiera che aveva composto per Padre Pio: 

"Umile e amato Padre Pio: Insegnate anche a noi, vi chiediamo, umiltà di cuore, per essere annoverati tra i piccoli del Vangelo, a cui il Padre ha promesso di rivelare i misteri del suo Regno. Aiutaci a pregare senza mai stancarci, con la certezza che Dio sa di cosa abbiamo bisogno prima che glielo chiediamo. Raggiungeteci con uno sguardo di fede in grado di riconoscere prontamente nei poveri e nei sofferenti il volto stesso di Gesù. Sosteneteci nell'ora della lotta e della prova, e se cadiamo, facci sperimentare la gioia del sacramento del perdono. Trasmetteteci la vostra tenera devozione a Maria, Madre di Gesù e Madre nostra. Accompagnaci nel nostro pellegrinaggio terreno verso la patria felice, dove speriamo anche di arrivare per vedere in eterno la gloria del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Bibliografia

- La Brújula Cotidiana intervista il direttore di Padre Pio TV, Stefano Campanella.
- Sanpadrepio.es.
- Intervista con l'arcivescovo polacco Andres Maria Deskur, 2004.
- Omelia di Giovanni Paolo II, Messa di santificazione, 2002.

I sacerdoti, il sorriso di Dio sulla terra

Date un volto alla vostra donazione. Aiutaci a formare sacerdoti diocesani e religiosi.

Articoli correlati