Barca de Pedro, Iglesia viva - Il Blog CARF - Articoli di esperti
Seleccionar página
Sig. Ramiro Pellitero Iglesias
29 Giu, 20

Articoli di esperti

La barca di Pietro, la Chiesa vivente

Oggi la Chiesa celebra la festa dei Santi Pietro e Paolo. Ricordiamo le parole di Benedetto XVI, davanti a Piazza San Pietro, nella sua ultima udienza da Papa, il giorno in cui ha iniziato il suo ministero petrino: "Vedo che la Chiesa è viva".

La Chiesa è viva con la gioventù di Cristo

"La Chiesa è viva -è stato il suo saluto il 24 aprile 2005. perché Cristo è vivo, perché è risorto davvero". La Chiesa è viva e giovane, ha sottolineato. Il Chiesa vive con la giovinezza di Cristo risorto. E per questo motivo, dichiarò di non avere altro programma se non quello di mettersi al servizio della famiglia. ascoltare Dio affinché Egli possa continuare a guidare la Chiesa.

Questa stessa certezza, Benedetto XVI ha mostrato quel giorno, con fiducia e gioia, verificando e confermando di essere stato ascoltato: "Posso dire che il Signore mi ha davvero guidato, mi è stato vicino, ho potuto percepire la Sua presenza quotidianamente".

Come una persona che ha sperimentato bene il cammino di Vangelofacendo diventare carne nella sua vita il ministero di PeterHa fatto parte del cammino della Chiesa, che ha avuto momenti di gioia e di luce, ma anche momenti non facili; Mi sentivo come San Pietro con gli apostoli nella barca sul lago di Galilea.Il Signore ci ha dato molti giorni di sole e di brezze dolci, giorni in cui la pesca era abbondante; ci sono stati anche momenti in cui le acque erano agitate e il vento contrario, come in tutta la storia della Chiesa, e il Signore sembrava dormire. Ma ho sempre saputo che in quella barca c'era il Signor E ho sempre saputo che la barca della Chiesa non è mia, non è nostra, è Sua. E il Signore non la lascia affondare; è Lui che la guida, certamente anche attraverso gli uomini che ha scelto, perché è quello che ha voluto. Questa era ed è una certezza che nulla può offuscare".

Giotto, Navicella (1605-1613), Fabbrica di San Pietro, Città del Vaticano

Esperienza, testimonianza, gratitudine

Esperienza, testimonianza e gratitudine: "E così il mio cuore si è riempito di gratitudine a Dio, perché non ha mai fatto mancare a tutta la Chiesa e a me la sua consolazione, la sua luce, il suo amore".

Ora si rivolge a coloro che lo hanno ascoltato in quell'udienza e a tutti noi che raccogliamo le sue parole. E ci dice perché ha proclamato l'Anno della Fede: "proprio per rafforzare la nostra fede". fede in Dio in un contesto che sembra relegarlo sempre più in secondo piano". Egli vuole trasmetterci la sua esperienza attraverso la sua testimonianza, e anche muoverci alla fiducia allegro e preghiera Lui stesso è grato per il lavoro e il sostegno, il rispetto e la comprensione di coloro che lo hanno circondato e di coloro che lo circondano.

Naturalmente, la profondità teologica gli viene incontro: "Sì, il Papa non è mai solo; ora lo sperimento ancora una volta in un modo così grande che tocca il cuore". Parla delle molte persone che gli hanno scritto, non come a un principe o a un personaggio che non conoscono: "Mi scrivono come fratelli e sorelle o come figli e figlie, sentendo un legame con me". famiglia molto affettuoso". Ecco perché afferma di aver sperimentato vividamente la realtà della Chiesa come corpo vivente in Cristo e famiglia di Dio: "Qui si può toccare con mano che cos'è la Chiesa - non un'organizzazione, un'associazione per scopi religiosi, o un'associazione con scopi religiosi, ma un'organizzazione che ha una missione, un'associazione per scopi religiosi, un'associazione per scopi religiosi. umanitarima un corpo vivente, un comunione fratelli e sorelle nel Corpo di Gesù Cristo, che ci unisce tutti". Conseguenza: "Vivere la Chiesa in questo modo e poter quasi toccare con mano la forza della sua verità e la sua amoreÈ un motivo per rallegrarsi, in un momento in cui molti parlano del suo declino. Ma vediamo come la Chiesa è viva oggi.

Fa poi riferimento alla sua preghiera insistente, durante gli ultimi mesi, per chiedere a Dio la luce, al fine di prendere la decisione giusta. E dice di aver compiuto questo passo "nella piena consapevolezza della sua importanza e anche della sua novità, ma con una profonda serenità di spirito".

Amare la Chiesa, che appartiene a Dio ed è guidata da Lui.

Seguono anche insegnamenti semplici e densi: "Amare la Chiesa significa anche avere il coraggio di prendere decisioni Ho sempre avuto a cuore il bene della Chiesa e non il bene di me stesso". Nel corso di questi anni", ha proseguito, "ho potuto sperimentare, e lo sto sperimentando ora, che si riceve la vita proprio quando la si dà"; perché il successore di Peter (perché è il padre comune della famiglia di Dio sulla terra), "non appartiene più a se stesso, appartiene a tutti e tutti appartengono a lui". E conferma che, anche nel suo caso, non si può tornare indietro; che non intende abbandonare la croce, e come segno di questo rimarrà nel recinto del Vaticano: "Continuerò ad accompagnare il cammino della Chiesa con i preghiera e di riflessione, con dedizione al Signore e alla Sua MoglieFinora ho cercato di vivere ogni giorno e vorrei vivere per sempre.

È giorno nella piazza del Vaticano e dopo aver chiesto di preghiere per se stesso e per coloro che hanno il compito di eleggere un nuovo Papa, invocando Maria, ha detto addio Benedetto XVIcome se ci stesse dicendo - come il Vescovo Javier Echevarría- "Non vi lascerò orfani...". (Gv 14:18). E non senza esercitare, all'ultimo minuto, il suo dovere di confermare i fedeli nell'unità e nella fede:

"Cari amici, Dio guida la sua Chiesa, la sostiene sempre, anche e soprattutto nei momenti difficili. Non perdiamo mai questa visione di fedeche è l'unica vera visione del cammino del Chiesa e del mondo. Nel nostro cuore, nel cuore di ognuno di voi, possa esserci sempre la gioiosa certezza che il Signore è al nostro fianco, che non ci abbandona, che ci è vicino e che ci copre con la Sua amore. Grazie.

L'ultima parola di Benedetto XVI, prima di tutto con la sua vita, è una parola di gratitudine, come un chicco di grano che diventa fecondo (cfr. Gv 12, 24).

Sig. Ramiro Pellitero Iglesias
Professore di Teologia Pastorale
Facoltà di Teologia
Università di Navarra

Pubblicato in "Chiesa e nuova evangelizzazione".

I sacerdoti, il sorriso di Dio sulla terra

Date un volto alla vostra donazione. Aiutaci a formare sacerdoti diocesani e religiosi.

Articoli correlati