La Croce, lo Spirito Santo e la Chiesa - Il Blog CARF - Gli esperti
Seleccionar página
Sig. Ramiro Pellitero Iglesias
21 Set, 20

Articoli di esperti

La croce di Cristo è un segno di vittoria perché Dio ha vinto lì.

La Croce, lo Spirito Santo e la Chiesa

La croce di Cristo fu umanamente una sconfitta e un fallimento. Ma per i cristiani la croce di Cristo è soprattutto il segno della vittoria di Dio sul male e il trono della sua regalità, che è la regalità dell'amore. Ecco perché la Chiesa esalta la croce e la pone nel suo cuore, invitandoci a contemplarla senza paura.

Comprendere meglio il mistero della croce e il significato cristiano della sofferenza.

Vale la pena considerare che "siamo nati lì" ed è lì che rimane la nostra forza: nell'amore di Dio Padre, nella grazia che Gesù ha conquistato per noi attraverso il suo dono di sé e nella comunione dello Spirito Santo (cfr. 2 Cor 13, 14).

La vita interiore del cristiano si identifica con la sua relazione con Cristo.. Ebbene, questa vita passa attraverso la Chiesa, e viceversa: la nostra vita è la vita della Chiesa, e la nostra vita è la vita della Chiesa, e la nostra vita è la vita della Chiesa. rapporto con la Chiesa passa necessariamente attraverso la nostra relazione personale con Cristo. In questo corpo di Cristo, tutti i membri devono diventare come Cristo "finché Cristo non sia formato in loro" (Gal 4:9).

Per questo motivo, dice il Vaticano II e il Catechismo della Chiesa Cattolica, "siamo integrati nei misteri della sua vita (...), siamo uniti alle sue sofferenze come il corpo al suo capo. Soffriamo con Lui per essere glorificati con Lui" (Lumen gentium, 7; CCC 793).

Uniti nel Corpo Mistico dallo Spirito Santo

Il mistero della Croce di Cristo e con esso la Il significato cristiano della sofferenzaLo Spirito Santo che ci unisce nel Corpo Mistico (la Chiesa) ci illumina. Tanto che ogni cristiano dovrebbe un giorno poter dire: "Completo nella mia carne ciò che manca alle sofferenze di Cristo a favore del suo Corpo, che è la Chiesa" (Col 1, 24). E questo, per accompagnare il Signore nella sua profonda e totale solidarietà che lo ha portato a morire per noi, in riparazione ed espiazione dei peccati di tutte le persone di tutti i tempi.

Santa Edith Stein

Ebrea, filosofa, cristiana, suora, martire, mistica e compatrona d'Europa. Crede che l'uomo fugga naturalmente dalla sofferenza. Chi trova piacere nella sofferenza può farlo solo in modo innaturale, malsano e distruttivo.

E scrive: "Solo chi ha l'occhio spirituale aperto alle connessioni soprannaturali degli eventi del mondo può desiderare l'espiazione; ma questo è possibile solo con le persone in cui vive lo Spirito di Cristo, che ricevono la sua vita, il suo potere, il suo significato e la sua guida come membri della testa" (E. Stein, Werke, XI, L. Gelber e R. Leuven [eds.], Druten e Freiburg i. Br.-Basel-Vienna 1983).

D'altra parte, aggiunge, l'espiazione ci unisce più intimamente a Cristo, proprio come una comunità è più profondamente unita quando tutti lavorano insieme, e come i membri di un corpo sono sempre più fortemente uniti nella loro interazione organica. E da questo trae una conclusione sorprendentemente profonda:

La festa di Santa Edith Stein, la cui testimonianza di conversione dall'ebraismo al cattolicesimo ha commosso migliaia di fedeli, si celebra il 9 agosto.

La croce e la figliolanza divina

Ma poiché "essere una cosa sola con Cristo è la nostra felicità ed essere una cosa sola con Lui è la nostra benedizione sulla terra, l'amore per la croce di Cristo non si oppone in alcun modo alla gioia della nostra figliolanza divina" (froher Gotteskindschaft). Aiutare a portare la croce di Cristo dà una gioia forte e pura.E coloro che hanno la possibilità e la capacità di farlo, i costruttori del Regno di Dio, sono i figli di Dio più autentici (Ibid.).

A suggello (rafforzamento e conferma) del fatto che l'Opus Dei era veramente di Dio e che era nato nella Chiesa e per il servizio della Chiesa, San Josemaría sperimentò delle difficoltà nei primi anni dell'Opera e, allo stesso tempo, si rese conto che l'Opus Dei era un'opera di Dio. luci e consolazioni di Dio.

Anni dopo scrisse: "Quando il Signore mi diede quei colpi, intorno al trentunesimo anno, non capivo. E all'improvviso, in mezzo a quella grande amarezza, quelle parole: tu sei mio figlio (Sal. II, 7), tu sei Cristo. E non potevo che ripetere: Abba, Pater, Abba, Pater, Abba, Abba, Abba, Abba! Ora lo vedo in una nuova luce, come una nuova scoperta: come si vede, con il passare degli anni, la mano del Signore, della Sapienza divina, dell'Onnipotente. Mi ha fatto capire, Signore, che avere la Croce di Cristo significa trovare la felicità, la gioia. E il motivo - lo vedo più chiaramente che mai - è questo: avere la Croce significa identificarsi con Cristo, essere Cristo e quindi essere figlio di Dio" (Meditazione, 28 aprile 1963, citata da A. de Fuenmayor, V. Gómez-Iglesias e J. L. Illanes, El itinerario jurídico del Opus Dei. Historia y defensa de un carisma, Pamplona 1989, p. 31).

Gesù soffre per noi. Porta tutti i dolori e i peccati del mondo. Per superare l'immensità del male e le sue conseguenze, sale sulla croce come "...".sacramento"La passione d'amore che Dio prova per noi.

Trasformare le sconfitte in vittorie

Come frutto della croce e a nome del Padre, Gesù ci dona la Spirito Santoche ci unisce al suo Corpo Mistico e ci dona la vita che viene dal Cuore trafitto. Ed Egli ci invita, infatti, a completare con la nostra vita (la maggior parte di essa sono cose piccole e ordinarie) ciò che manca alle sofferenze di Cristo in e per questo corpo che formiamo con Lui, la Chiesa.

Pertanto, "ciò che guarisce l'uomo non è l'evitare la sofferenza e la fuga dal dolore, ma la capacità di accettare la tribolazione, di maturare in essa e di trovarvi un senso attraverso l'unione con Cristo, che ha sofferto con amore infinito" (Benedetto XVI, Spe Salvi, 37).

Due anni fa, in occasione della festa dell'Esaltazione della Santa Croce, e nella sua omelia a Santa Marta (14-IX-2018), Francesco ha detto che La croce ci insegna questo, che nella vita c'è il fallimento e la vittoria.. Dobbiamo essere in grado di tollerare e sopportare pazientemente le sconfitte.

Anche quelli che corrispondono ai nostri peccati perché Lui ha pagato per noi. "Tollerarli in Lui, chiedere perdono in Lui", ma non lasciarci mai sedurre da quel cane incatenato che è il diavolo. E ci ha consigliato di stare tranquilli a casa, ci prendiamo 5, 10, 15 minuti di fronte a un crocifisso.Il piccolo crocifisso sul rosario: guardatelo, perché è certamente un segno di sconfitta che provoca la persecuzione, ma è anche "Il nostro segno di vittoria perché Dio ha vinto lì".

Allora possiamo trasformare le (nostre) sconfitte in vittorie (di Dio).

Sig. Ramiro Pellitero Iglesias
Professore di Teologia Pastorale
Facoltà di Teologia
Università di Navarra

Pubblicato in "Chiesa e nuova evangelizzazione".

I sacerdoti, il sorriso di Dio sulla terra

Date un volto alla vostra donazione. Aiutaci a formare sacerdoti diocesani e religiosi.

Articoli correlati