Il significato della sofferenza in Dio - Articoli di esperti - CARF
Seleccionar página
Sig. Ramiro Pellitero Iglesias
11 Apr, 22

Articoli di esperti

Esperti CARF - Settimana Santa - Il significato della sofferenza in Dio. - Settimana Santa - Don Ramiro Pellitero

Il significato della sofferenza in Dio

Di fronte alla brutale violenza della guerra di oggi, ci saranno coloro che si chiederanno dove sia Dio. E noi cristiani diciamo: ecco, Dio è qui, soffre con noi e con tutti coloro che soffrono, ora e fino alla fine del mondo.

Questo è ciò che noi cristiani riviviamo durante la Settimana Santa.. In un'intervista con il Papa emerito Benedetto XVI, pubblicata nella rivista "Osservatore RomanoIl significato della sofferenza in Dio viene alla ribalta.

Dio che soffre

L'uomo moderno sembra non avere bisogno di giustificarsi davanti a Dio, e a volte osa persino chiedere a Dio di giustificarsi di fronte ai mali del mondo. L'uomo ha perso la sensibilità ai propri peccati, si crede giusto e non sente il bisogno di salvezza. O almeno ha la sensazione che Dio non possa permettere che la maggior parte dell'umanità vada perduta.

Ma dall'altro lato, si sente il bisogno della misericordia e della gentilezza di Dio. Questo è stato sperimentato da Faustina Kowalska e da Giovanni Paolo II, il quale afferma che la misericordia è l'unica cosa veramente efficace contro il male. Nella durezza di un mondo tecnologizzato in cui i sentimenti non contano più nulla", dice.nota Papa Ratzinger, ma aumenta l'aspettativa di un amore salvifico che viene dato gratuitamente"..

È in questo contesto che si colloca la relazione tra Dio Padre e Suo Figlio. Non è utile insistere sulla giustizia in senso assoluto o crudele, con l'argomento che il Figlio obbedisce al Padre e nell'obbedire accetta le crudeli esigenze della giustizia.

Benedetto XVI spiega: "Quando il Figlio nell'Orto degli Ulivi lotta contro la volontà del Padre, non si tratta di accettare una disposizione crudele di Dio, ma di attirare l'umanità nella volontà di Dio". . Sul rapporto tra le due volontà del Padre e del Figlio, si veda il libro di J. Ratzinger, Gesù di Nazareth, vol. 1, in particolare il capitolo 6.

 

Esperti CARF - Il significato della sofferenza in Dio. - Settimana Santa - Don Ramiro Pellitero
Cristo in croce, opera attribuita a Velázquez - 1631. Conservato nel Museo del Prado

Il significato della Croce

Ma poi, il Papa emerito si chiede, Qual è il senso della croce?

E risponde in questo modo: prendiamo coscienza della sporca ed enorme quantità di male, di violenza e di menzogna, di odio, di crudeltà e di arroganza che inondano il mondo intero. La tradizione dell'Antico Testamento sperava in un amore infinito che potesse superare il male e la sofferenza del mondo. Cristo ci porta, soprattutto nella sua sofferenza, quell'amore e quella vittoria.. Sorge la domanda se e in che senso questo implica una sofferenza in Dio Padre.

Nella sua argomentazione, Benedetto XVI riproduce un testo di Henri De Lubac. Presenta innanzitutto l'amore di Cristo che lo porta a soffrire per noi: "Il Redentore è entrato nel mondo per compassione verso la razza umana. Ha preso su di sé le nostre sofferenze molto prima di essere crocifisso; anzi, ancor prima di abbassarsi ad assumere la nostra carne: se non le avesse sperimentate prima, non sarebbe diventato parte della nostra vita umana. E qual è stata questa sofferenza che ha sopportato prima per noi? Era la passione dell'amore"..

Anche se non si tratta solo della sofferenza di CristoIl Figlio di Dio fatto uomo, che noi rappresentiamo nelle figure della Quaresima e Pasqua; ma De Lubac si meraviglia: "Ma il Padre stesso, il Dio dell'universo, colui che è sovrabbondante in longanimità, pazienza, misericordia e compassione, non soffre forse anche lui in un certo senso?"..

Qui cita un passo biblico: "Il Signore, il tuo Dio, ti ha rivestito come uno che porta in grembo il suo bambino". (Deut. 1:31). "Dio -De Lubac commenta. Prende su di sé le nostre vesti, come il Figlio di Dio prende su di sé le nostre sofferenze. Il Padre stesso non è privo di passioni! Se viene invocato, Egli conosce la misericordia e la compassione. Sente una sofferenza d'amore"..

A questo punto interviene Benedetto XVI, evocando le devozioni della sua patria e le immagini dell'arte cristiana.

"In alcune zone della Germania c'era una devozione molto commovente per il Not Gottes ('l'indigenza di Dio'). Per me evoca un'immagine impressionante che rappresenta il Padre sofferente, che come Padre partecipa interiormente alle sofferenze del Figlio. E anche l'immagine del 'trono della grazia' fa parte di questa devozione: il Il Padre tiene la croce e il crocifisso, si china amorevolmente su di lui e d'altra parte, per così dire, è insieme a lui sulla croce. Così, in modo grande e puro, possiamo vedere cosa significano la misericordia di Dio e la partecipazione di Dio alla sofferenza dell'uomo"..

Solo l'amore vince il male

Poi deduce: "Non si tratta di una giustizia crudele, né del fanatismo del Padre, ma della verità e della realtà della creazione: del vero e intimo superamento del male che, in ultima analisi, può essere raggiunto solo nella sofferenza dell'amore"..

Infatti, dal trono della grazia, che è la Croce di Gesù, scende l'amore di Dio, che pulisce il male che l'uomo ha riversato sul mondo nel corso dei secoli. Quell'amore che il Padre, insieme al Figlio, ha manifestato attraverso la sofferenza della croce e che sgorga nella misericordia.

Nell'Anno del misericordiaPapa Francesco ha già spiegato il significato della Settimana Santa.

"Se Dio ci ha mostrato il suo amore supremo nella morte di Gesù, allora anche noi, rigenerati dallo Spirito Santo, possiamo e dobbiamo amarci gli uni gli altri".
Papa Francesco

Settimana di Pasqua

Il Giovedì Santo, Gesù istituisce l'Eucaristia.come amore che anticipa la Croce e diventa servizio, soprattutto per i più deboli.

"Il Venerdì Santo è il culmine dell'amore. La morte di Gesù, che sulla croce si abbandona al Padre per offrire la salvezza al mondo intero, esprime l'amore dato fino alla fine, senza fine. Un amore che cerca di abbracciare tutti, senza escludere nessuno. Un amore che si estende ad ogni tempo e ad ogni luogo: una fonte inesauribile di salvezza alla quale ognuno di noi peccatori può accedere". (Udienza generale, 23-III-206).

Tale è l'amore di Dio Padre, del Figlio e dello Spirito Santo che sarà dato a Pentecoste all'azione della grazia nel mondo.

Francisco conclude: "Se Dio ci ha mostrato il suo amore supremo nella morte di Gesù, allora anche noi, rigenerati dallo Spirito Santo, possiamo e dobbiamo amarci gli uni gli altri".. Poi, Il Sabato Santo è il giorno del silenzio di Dio.in attesa dell'amore per gli abbandonati.

Tutto sommato, è questo che celebriamo a Pasqua, "è tutto un grande mistero di amore e di misericordia". che ci viene incontro per condurci alla Risurrezione. Un amore e una misericordia che possono cambiarci, a condizione che la accettiamo, sia nella confessione dei nostri peccati che nell'esercizio delle opere di misericordia..

Sig. Ramiro Pellitero Iglesias
Professore di Teologia Pastorale
Facoltà di Teologia
Università di Navarra

 

Pubblicato in "Chiesa e nuova evangelizzazione".

I sacerdoti, il sorriso di Dio sulla terra

Date un volto alla vostra donazione. Aiutaci a formare sacerdoti diocesani e religiosi.

Articoli correlati