Seleccionar página

Sacerdozio cattolico

Che cos'è un sacerdote? Quali sono le sue origini e la sua storia?

Che cos'è il sacerdozio?

Se parliamo della definizione di sacerdozio, questo è uno dei tre ordini sacerdotali della Chiesa cattolica, con il quale il diacono riceve la dignità e le attribuzioni proprie del presbitero o della diaconessa. sacerdote.

"L'Ordine sacro è il sacramento mediante il quale la missione affidata da Cristo ai suoi apostoli continua ad essere esercitata nella Chiesa fino alla fine dei tempi: è quindi il sacramento del ministero apostolico. Comprende tre gradi: l'episcopato, il sacerdozio e il diaconato".

Il sacerdozio "va oltre la semplice elezione, nomina, delega o istituzione da parte della comunità, perché conferisce il dono dello Spirito Santo che permette l'esercizio di una 'sacra potestà' che può venire solo da Cristo, attraverso la sua Chiesa".  Catechismo, 1536-1538

Il sacramento dell'Ordine comprende tre gradi:

Diaconato Presbiterato Episcopato

Origine e storia

Il popolo eletto è stato costituito da Dio come "un regno di sacerdoti e una nazione consacrata". Ma all'interno del popolo di Israele, Dio scelse una delle dodici tribù, Levi, per il servizio liturgico.

Istituito per proclamare la parola di Dio e per ristabilire la comunione con Dio attraverso i sacrifici e la preghiera, questo sacerdozio dell'Antica Alleanza era incapace di portare alla salvezza. Pertanto, doveva ripetere i sacrifici senza sosta e non poteva raggiungere una santificazione definitiva, poiché questa poteva essere ottenuta solo dal sacrificio di Cristo.

Nonostante ciò, la liturgia della Chiesa vede nel sacerdozio di Aronne
e nel servizio dei Leviti e nell'istituzione dei settanta "anziani", prefigurazioni del ministero ordinato della Nuova Alleanza.

Tutte le prefigurazioni del sacerdozio dell'Antica Alleanza trovano il loro compimento in Cristo Gesù, "unico mediatore tra Dio e gli uomini".

Il sacrificio redentivo di Cristo è unico. E per questo è reso presente nel sacrificio eucaristico della Chiesa. Lo stesso vale per il sacerdozio unico di Cristo: "è reso presente attraverso il sacramento del sacerdozio ministeriale".  cfr. Catechismo, 1539-1545

Icona Candela

Perché il sacerdozio è importante?

La Chiesa, nel corso della storia, ha svolto un servizio umano in tutti i settori della cultura. Attraverso il sacerdozio cattolico, si è diffuso in tutte le nazioni e ha fatto fiorire la religione, la morale, la scienza, l'arte e l'industria. Sia i sacerdoti, sia soprattutto i membri degli ordini religiosi, hanno guidato i fedeli alla luce della morale e dell'educazione cristiana nel corso dei secoli.

L'Eucaristia è l'apice di tutto l'ordine sacramentale. È il nutrimento di tutta la vita spirituale e il vertice verso il quale è diretta tutta l'attività della Chiesa. Il Santissimo Sacramento è la fonte inesauribile di grazie; da esso scaturisce tutta la potenza di Cristo presente nella Chiesa e nell'interiorità di ogni cristiano. L'Eucaristia è il sacramento da cui scaturiscono tutti gli altri sacramenti e a cui sono diretti.

"L'amore non si spegne nel cuore del sacerdote. La carità, bevuta alla sua fonte più pura, esercitata a imitazione di Dio e di Cristo, non meno di ogni amore autentico, è esigente e concreta, allarga l'orizzonte del sacerdote all'infinito, amplia il suo senso di responsabilità - indice di una personalità matura - ed educa in lui, come espressione di una paternità più alta e più ampia, una pienezza e una delicatezza di sentimenti che lo arricchiscono in misura sovrabbondante". In una parola: "Il celibato, elevando integralmente l'uomo, contribuisce efficacemente alla sua perfezione" (SC, 55).

San Paolo VI

Sacerdozio comune dei battezzati

La Chiesa nel suo insieme partecipa al sacerdozio di Cristo. Tutti i battezzati sono stati consacrati come casa spirituale e sacerdozio santo dalla rigenerazione e dall'unzione dello Spirito Santo.

Tutti noi possediamo un'unzione sacerdotale che ci rende partecipi di un sacerdozio che chiamiamo comune, che ci destina indelebilmente al culto divino. Un sacerdozio che attualizziamo ed esercitiamo nella ricezione dei sacramenti, nella pratica delle virtù e nel culto divino. Ognuno di noi, in quanto membro del Popolo di Dio, è chiamato con lo stesso potere ad essere testimone di Cristo con le parole e a ordinare la città degli uomini secondo il piano di salvezza.

Sacerdozio ministeriale

Per volontà di Cristo esiste nella Chiesa un sacerdozio ministeriale che forma e dirige il popolo sacerdotale. Attraverso di essa, Cristo si rende presente e attivo tra gli uomini in modo qualificato. Egli edifica il Corpo di Cristo attraverso il ministero dei sacramenti, specialmente attraverso la celebrazione dell'Eucaristia.

Il carisma del sacerdozio viene da Cristo stesso ed è trasmesso attraverso l'imposizione delle mani del vescovo e il sacramento dell'Ordine. In questo modo, il sacerdote viene consacrato e configurato come ministro di Cristo. In certi momenti, il sacerdote diventa uno strumento della grazia di Cristo.

Essere cristiani - e in modo particolare essere sacerdoti, ricordando che tutti i battezzati partecipano al sacerdozio regale - significa essere continuamente davanti alla Croce.

San Josemaría Escrivá de Balaguer

Sacerdozio e celibato

Il celibato, nel suo senso generico, è la condizione di chi per scelta non si sposa. Il celibato sacerdotale è quando questa scelta viene fatta in cambio di una dedizione totale ai servizi religiosi attraverso l'ordinazione sacerdotale. Ci sono concetti legati al celibato sacerdotale, alla castità, alla verginità e alla vocazione verginale.

Tutti i ministri ordinati della Chiesa latina, ad eccezione dei diaconi permanenti, sono ordinariamente scelti tra i credenti che vivono celibi e che sono disposti a mantenere il celibato "per il regno dei cieli" (Mt 19,12).

Chiamati a consacrarsi totalmente al Signore e alle sue "cose" (1 Cor 7,32), si donano interamente a Dio e agli uomini. Il celibato è un segno di questa nuova vita al cui servizio il ministro della Chiesa è consacrato; accettato con cuore gioioso, annuncia in modo radioso il Regno di Dio" (Catechismo, 1579).

Icona del sacerdozio

Papa Giovanni Paolo II nel 1979 ha dichiarato:

"Ogni sacerdote si impegna al celibato in piena consapevolezza e libertà, con anni di preparazione, profonda riflessione e assidua preghiera. Solo dopo aver maturato la ferma convinzione che Cristo gli concede questo "dono", per il bene della Chiesa e per il servizio agli altri. Solo allora si impegna a osservarlo per il resto della sua vita".

Papa Benedetto XVI

Papa Benedetto anni dopo ha dichiarato:

"Il sacerdozio ministeriale, attraverso l'ordinazione, richiede la piena configurazione a Cristo. Pur rispettando la diversa prassi e tradizione orientale, è necessario sottolineare il significato profondo del celibato sacerdotale, (...) nel quale trovano particolare espressione la dedizione che lo conforma a Cristo e l'offerta esclusiva di sé per il Regno di Dio. Il fatto che Cristo stesso, il sacerdote eterno, abbia vissuto la sua missione fino al sacrificio della croce in stato di verginità è un sicuro punto di riferimento per comprendere il significato che questo ha nella tradizione della Chiesa latina. Pertanto, non è sufficiente comprendere il celibato sacerdotale in termini meramente funzionali. In realtà, rappresenta una speciale conformità allo stile di vita di Cristo stesso".

Papa Francesco

Papa Francesco, oggi, continua ad affermare:

"Personalmente, credo che il celibato sia un dono per la Chiesa. In secondo luogo, dico che non sono d'accordo nel permettere il celibato facoltativo, no". Intervista, 27-01-2019

Maggiori informazioni sul sacerdozio e sul lavoro del CARF

La Fondazione Centro Accademico Romano, CARF, fa da tramite tra migliaia di anime generose, disposte a contribuire finanziariamente con borse di studio per sacerdoti e seminaristi di tutto il mondo, affinché ricevano una solida preparazione teologica, umana e spirituale.

Il sacerdozio chiama tutti i cristiani a riflettere sulla necessità di proporre i mezzi per far sì che nessuna vocazione vada perduta.

Ogni anno accademico (settembre-giugno)

+800

vescovi dei cinque continenti

Richiedono posti e borse di studio per i loro candidati nelle diverse facoltà.