Seleccionar página

Che cos'è un sacerdote?

"Il sacerdote è al servizio degli uomini: è ministro della loro salvezza, della loro felicità, della loro autentica liberazione", Benedetto XVI.

Cosa e chi è un sacerdote?

"Nella Chiesa e per la Chiesa, i sacerdoti sono una rappresentazione sacramentale di Gesù Cristo, Capo e Pastore", San Giovanni Paolo II.

Quando un sacerdote è formato e riceve il sacramento dell'Ordine, è disposto a prestare il suo corpo e il suo spirito, cioè tutto il suo essere, al Signore, servendosi di lui "soprattutto nei momenti in cui compie il Sacrificio del Corpo e del Sangue di Cristo quando, in nome di Dio, nella Confessione sacramentale, rimette i peccati".

L'amministrazione di questi due Sacramenti è così centrale nella missione del sacerdote che tutto il resto deve ruotare intorno ad essa", San Josemaría. 

Quanto alla missione del sacerdote, "proprio perché appartiene a Cristo, il sacerdote è radicalmente al servizio degli uomini: è ministro della loro salvezza, della loro felicità, della loro autentica liberazione".

Benedetto XVI - GA 24/06/09

Missione di un sacerdote

"Questo sacerdozio è ministeriale. Questa funzione, che il Signore ha affidato ai pastori del suo popolo, è un vero servizio" (CV II, LG, 24)".

Questa è la ragione della dignità dei sacerdoti, che non è personale ma ecclesiale. La dignità del mistero che essi compiono, ogni volta che trasformano il pane e il vino nel corpo e nel sangue di nostro Signore, è la ragione di fede che dà senso a tutto il cristianesimo.

In questi sacerdoti ammiriamo le virtù proprie di ogni cristiano e di ogni uomo onesto: la comprensione, la giustizia, la vita di lavoro (in questo caso il lavoro sacerdotale), la carità, l'educazione, la dolcezza nel trattare con gli altri.

Noi, fedeli cristiani, ci aspettiamo che il carattere sacerdotale sia chiaramente sottolineato: che il sacerdote preghi; che amministri i sacramenti; che sia pronto ad accogliere tutti, di qualunque tipo siano; che metta amore e devozione nella celebrazione dei sacramenti; che sia pronto ad accogliere tutti, di qualunque tipo siano; che metta amore e devozione nella celebrazione dei sacramenti. Santa Messa; che siede nel confessionale, che conforta coloro che pazienti e agli afflitti; avere consiglio e carità per i bisognosi; fare catechesi; predicare la Parola di Dio e non qualche altro tipo di scienza umana che, anche se fosse perfettamente conosciuta, non sarebbe la scienza che salva e conduce alla vita eterna.

"Dio è l'unica ricchezza che la gente vuole trovare in un sacerdote". Benedetto XVI, Discorso del 16-03-2009.

Qual è la sua identità?
San Josemaría chiede: "Quello di Cristo. Tutti i cristiani possono e devono essere non alter Christus, ma ipse Christus: altri Cristi, Cristo stesso! Ma nel sacerdote questo viene dato immediatamente, in modo sacramentale".

San Josemaría, Sacerdote per l'eternità, 13-04-1973.

 

"La nostra identità ha come fonte ultima l'amore del Padre (...) La vita e il ministero del sacerdote sono una continuazione della vita e dell'azione di Cristo stesso".

San Giovanni Paolo II, Messaggio, 02-11-1990.

 

Perché Cristo ha istituito il ministero sacerdotale?

Il ministero sacerdotale non esiste per se stesso, ma per "la formazione della comunità cristiana, fino a renderla capace di irradiare fede e amore nella società civile". (Beato Alvaro del Portillo - Scritti sul sacerdozio).

Poiché la sua identità è sacramentalmente l'identità di Cristo, la fedeltà del sacerdote corrisponde alla fedeltà di Cristo. Da qui la necessità della santità del sacerdote, non solo per l'efficacia oggettiva dei sacramenti, ma anche per il pieno futuro del servizio che, in ogni ministero, egli rende ai fedeli.

"Sebbene la loro differenza sia essenziale e non solo di grado, [il sacerdozio battesimale o comune e il sacerdozio ministeriale] sono ordinati l'uno all'altro". (LG, 10).

"Il sacerdozio ministeriale è nato nel Cenacolo, insieme all'Eucaristia, come ha sottolineato spesso il mio venerato Giovanni Paolo II. Scriveva nella sua ultima Lettera del Giovedì Santo (n. 1): "L'esistenza sacerdotale deve possedere come titolo speciale una forma eucaristica". È proprio questa 'forma eucaristica' della vita del sacerdote che rende così felicemente adatto il suo stato celibatario, che sostanzia la sua dedizione ad appartenere alla Chiesa con un amore sponsale, stimolando continuamente in lui la carità pastorale a servizio di tutte le anime" (n. 2).

Benedetto XVI - 2-04-2005.

I sacerdoti, il sorriso di Dio sulla terra

Date un volto alla vostra donazione. Aiutaci a formare sacerdoti diocesani e religiosi.