Seleccionar página

Vocazione a
sacerdozio

La chiamata al sacerdozio chiede all'uomo che la riceve di dedicare la sua vita a rendere più facile ai suoi fratelli vivere più vicini a Dio.

Che cos'è la vocazione sacerdotale?

La vocazione è un mistero d'amore tra Dio che chiama un uomo con amore e un uomo che risponde a Lui liberamente e per amore. Tuttavia, la vocazione al sacerdozio non è semplicemente un sentimento. Si tratta piuttosto di una certezza interiore nata dalla grazia di Dio, che tocca l'anima e richiede una risposta libera.

Se Dio la chiama, la certezza crescerà man mano che la sua risposta diventerà più generosa. La chiamata al sacerdozio chiede all'uomo che la riceve di dedicare la sua vita a rendere più facile ai suoi fratelli vivere più vicini a Dio. È stato chiamato a svolgere un servizio umile a favore di tutta l'umanità.

Quando viene ordinato sacerdote: riceve il Sacramento dell'Ordine e si prepara a prestare il suo corpo e il suo spirito, cioè tutto il suo essere, al Signore. Ne farà uso soprattutto nei momenti in cui compie il Sacrificio del Corpo e del Sangue di Cristo e quando, in nome di Dio, nella Confessione sacramentale, perdona i peccati.

Icona delle croci cattoliche

Abbiamo tutti una vocazione?

Sì, tutti noi siamo stati creati da Dio per uno scopo e un obiettivo. Dio ha voluto un piano unico e irripetibile per ciascuno di noi, un piano che è stato pianificato da tutta l'eternità: "Prima di formarti nel grembo materno, ti ho scelto; prima che tu uscissi dal seno della madre, ti ho consacrato" (1 Corinzi 5:8). Geremia 1, 5.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica parla della vocazione alla beatitudine, in breve, alla santità. All'unione con Dio che ci rende partecipi della Sua felicità e ci ama completamente e incondizionatamente. La vocazione comune di tutti i discepoli di Cristo è la vocazione alla santità e alla missione di evangelizzare il mondo.

Dio invita ciascuno di noi a seguire un particolare percorso di vita con Lui. Alcuni sono chiamati alla vocazione sacerdotale, altri alla vita religiosa, mentre i laici sono chiamati a incontrarlo nella vita ordinaria.

Foto sacerdoti

Come faccio a sapere se ho la vocazione al sacerdozio?

Dio chiama tutti e alcuni con una missione specifica, pensata personalmente per loro: "Ognuno per la sua strada", dice il Consiglio. Ogni credente deve discernere il proprio cammino e tirare fuori il meglio di sé, ciò che è così personale che Dio ha messo in lui, e non consumarsi cercando di imitare qualcosa che non era destinato a lui.

Lo strumento che noi cristiani abbiamo per scoprire la nostra vocazione e se si tratta di una vocazione al sacerdozio o meno, è la preghiera. La preghiera è assolutamente necessaria per la vita spirituale. Questo dialogo con Dio permette allo spirito di svilupparsi.

Preghiera per il discernimento vocazionale

Nella preghiera si attualizza la fede nella presenza di Dio e nel suo amore. Favorisce la speranza che porta a dirigere la propria vita verso di Lui e a confidare nella Sua provvidenza. E il cuore si allarga rispondendo con il proprio amore all'Amore divino.

Il nostro esempio è Gesù, che prega prima dei momenti decisivi della sua missione. Con la sua preghiera, Gesù ci insegna a pregare, a scoprire la volontà di nostro Padre Dio e a identificarci con essa. Inoltre, come raccomanda il Catechismo, nel momento del discernimento vocazionale, può essere di grande aiuto la figura del direttore spirituale, cioè la persona a cui possiamo affidarci e che ci aiuta a scoprire la volontà di Dio.

Segni professionali

Il dovere di risvegliare le vocazioni spetta all'intera comunità cristiana. Nel CARF sosteniamo questo impegno.

Nella vocazione sacerdotale non ci sono regole assolute. Si possono però prendere in considerazione alcuni aspetti o tratti generali che aiutano a discernere se un uomo è chiamato da Dio al sacerdozio. Il Diritto Canonico descrive alcuni segni della vocazione sacerdotale.

  • La vita nella grazia 100% 100%
  • Assenza di irregolarità 75% 75%
  • Dimissioni evangeliche 80% 80%
  • Appello del Vescovo 90% 90%

Gusto per le cose di Dio

L'amore per la Chiesa e l'Eucaristia sono i segni più chiari della chiamata al sacerdozio. Il gusto per le cose di Dio può giungere all'improvviso, come una magnifica scoperta, grazie all'incontro con Cristo, oppure può essere stato instillato nella nostra famiglia per tutta la vita, fin dalla più tenera età. 

Chiesa delle icone

Amore per la Chiesa:

Il sacerdote lavora a tempo pieno per il Popolo di Dio, per tutta la vita, in una dedizione appassionata alla Chiesa.

Icona e candela del Vaso Sacro

L'amore per l'Eucaristia:

Lunghi periodi di tempo davanti al tabernacolo, la partecipazione alla Santa Messa, la comunione quotidiana, sarebbero il processo verso il sacerdozio.

La vita a Gracias

Possiamo dire che lo scopo del ministero sacerdotale è quello di portare tutti gli uomini a vivere nella grazia di Dio e quindi a essere salvati in eterno. Ecco perché Gesù Cristo è vissuto, morto e risorto.

Non si tratta di sapere se la vocazione al sacerdozio è superiore al cammino comune; si tratta di sapere se servirò meglio il Signore in tale stato.

Assenza di irregolarità

Vita apostolica

Si è detto che il candidato, a causa del suo amore per la Chiesa, partecipa all'apostolato. L'apostolato diventa il valore principale della sua vita. Possiamo dire che lo zelo apostolico è un segno e una via della vocazione sacerdotale.

Equilibrio emotivo

Quando ha sulle spalle la responsabilità di una parrocchia o la gestione di una scuola, quando i problemi delle persone arrivano da tutte le parti, quando anche le tentazioni sono in agguato, deve possedere una salda equanimità e autocontrollo.

Dimissioni evangeliche

Nel rinunciare a me stesso, devo accettare la rinuncia richiesta dalla pratica dei consigli evangelici di una vita di castità. Molti cristiani, seguendo l'esempio di San Paolo, rimasero celibi per dedicarsi completamente al servizio di Dio.

Capacità intellettuale

Essere in grado di ricevere e completare una formazione sacerdotale per assistere meglio tutti coloro che si trovano nell'esercizio del loro lavoro pastorale.

Vocazione tardiva al sacerdozio

Ognuno ha la propria storia e riceve la chiamata del Signore a seguirlo in un modo particolare. Nel mio caso, fin da giovane ho fatto parte di vari movimenti e gruppi apostolici all'interno della Chiesa del mio Paese e di uno in particolare, Encuentros Familiares de Venezuela, dove ho servito Dio per diversi anni.

È interessante notare che questo movimento si concentra sulla famiglia e sull'impegno personale per creare una famiglia futura. Il mio progetto di vita era incentrato su questo percorso, mentre ho sempre sentito la presenza di Dio nel mio progetto professionale, il che mi ha fatto credere che questo era anche ciò che Dio voleva per me.

Mi sono laureato come ingegnere petrolifero e ho esercitato la mia professione in questo campo e come professore universitario. Ero all'apice del mio progetto professionale: la mia famiglia era molto contenta dei risultati che avevo ottenuto fino a quel momento e i miei amici erano piuttosto ammirati dei miei successi in un'età così giovane. Pensavo che questo mi avrebbe reso completamente felice, ma in realtà non lo era. Mi sentivo un po' vuota. Mi sentivo un po' vuota e sentivo anche che ero chiamata a fare qualcos'altro. È stato un duro colpo rendersi conto che il mio progetto era fallito, nonostante il successo che avevo ottenuto fino a quel momento, ed è stato allora che ho intrapreso una ricerca.

Da quel momento in poi, cominciarono ad accadere vari eventi in cui vidi chiaramente che il Signore mi chiedeva di donarmi totalmente per seguirLo: di lasciare il mio lavoro, la mia professione, i miei studi, persino la mia famiglia. La reazione della mia famiglia fu all'inizio un forte rifiuto. Ovviamente non capivano il cambiamento che avrebbe significato lasciare tutto ciò che avevo costruito negli anni per intraprendere un nuovo percorso.

Julio César Morillo Leal
Seminarista nella diocesi di Cabimas, Venezuela

Leggi la storia completa