L'arcivescovo Arjan Dodaj: dal comunismo al sacerdozio-Fondazione CARF
Seleccionar página
CARF
14 nov, 22

Testimonianze di sacerdoti

simon_muhangwa

L'arcivescovo Arjan Dodaj: dal comunismo al sacerdozio

L'Arcidiocesi di Tirana-Durrës è una circoscrizione ecclesiastica latina della Chiesa cattolica in Albania. Papa Francesco ha nominato il Rev. Arjan Dodaj vescovo ausiliare di questa arcidiocesi, assegnandogli la sede titolare di Lestrona, il 9 aprile 2020, all'età di 43 anni. Cresciuto in una cultura atea e comunista, si è convertito e ha scoperto la sua vocazione al sacerdozio. Oggi è l'arcivescovo metropolita di Tirana-Durrës. Racconta alla Fondazione CARF la sua conversione dal comunismo per diventare vescovo.

Arjan Dodaj Arcivescovo di Tirana-Durrës

Monsignor Arjan Dodaj è arcivescovo di Tirana-Durrës (Albania). La sua vita non è stata facile. È nato a Laç-Kurbin, nella stessa arcidiocesi, il 21 gennaio 1977. Nel 1993, all'età di 16 anni, dopo aver completato gli studi primari e secondari nella sua città natale, emigra in Italia e si stabilisce a Cuneo, dove inizia a lavorare.

Ha lavorato come saldatore - più di 10 ore al giorno - e alla fine ha trovato la fede cristiana nella Fraternità dei Figli della Croce. È stato educato all'ateismo, ma quando ha incontrato Cristo, è stato battezzato e Dio lo ha chiamato al sacerdozio. Ho contattato Mons. Arjan Dodaj attraverso alcuni studenti della Fraternità dei Figli della Croce, i cui membri studiano tutti presso la Pontificia Università della Santa Croce a Roma, grazie al sostegno della Fondazione CARF.

Mons. Arjan Dodaj ha raccontato alla Fondazione CARF la sua testimonianza di conversione e la sua vocazione.

Una storia potente 

"Tutte le storie sono commoventi, se pensiamo che ogni storia ha a che fare con una persona, con un essere umano, con il suo mondo e la sua vita. Tuttavia, ci sono storie che sono più scioccanti di altre, almeno per alcuni di noi che hanno avuto l'opportunità di vivere e vedere con i propri occhi alcune situazioni che hanno scosso l'esistenza di alcuni Paesi in particolare.

Ricordo ancora, infatti, da dodicenne, i barconi che arrivavano in Italia dall'Albania negli anni '90, pieni, pieni di persone stipate nelle stive, sui ponti, riempiendo ogni spazio, ogni buco disponibile per fuggire dalla povertà, dall'insicurezza e dall'incertezza che regnavano nel Paese balcanico. Potrebbe essere stata la prima volta che l'Italia ha sperimentato il fenomeno dell'immigrazione di massa, un fenomeno per il quale era impreparata e che ora è un fatto quotidiano.

- Sono fuggito su una nave dalla mia patria... Ora sono tornato come vescovo.

Ebbene, oggi raccontiamo la storia di qualcuno che ha vissuto tutto questo di persona, perché uno dei ragazzi su quelle barche che abbiamo visto oggi in TV è un vescovo. Nato a Laç-Kurbin, sulla costa albanese, è arrivato in Italia come emigrante all'età di 16 anni, dopo aver attraversato l'Adriatico su un barcone. Fuggito dal suo Paese in una calda notte stellata del settembre 1993, in cerca di un futuro e di un modo per aiutare la sua povera famiglia, oggi è l'arcivescovo metropolita di Tirana-Durrës nel suo Paese.

Mentre lavorava come saldatore e giardiniere, per più di dieci ore al giorno, si è imbattuto nella comunità dei Figli della Croce, i cui membri ora studiano tutti presso la Scuola Superiore della Sanità. Pontificia Università della Santa Croce grazie all'aiuto ricevuto dalla Fondazione CARF - Fondazione Centro Accademico Romano - e ha riscoperto la fede cristiana, che era proibita nel suo Paese, a causa della dottrina dell'ateismo di Stato, ma che era comunque rimasta impressa nel suo cuore, come un ricordo lontano, grazie alle canzoni che sua nonna gli sussurrava all'orecchio.

- Grazie, monsignor Dodaj, è un onore avere l'opportunità di intervistarla oggi per i nostri lettori di lingua spagnola. E sai che, come italiano, la tua storia mi tocca personalmente.

Grazie a voi, è un piacere, perché per me, come per molti albanesi che conoscevano l'Italia attraverso la televisione italiana che potevamo guardare nel nostro Paese, c'era un solo desiderio: andare in Italia.

Una famiglia umile e semplice

Mi ha colpito molto la sua storia, quella fede che si conserva, anzi si semina e si seppellisce nel cuore, senza che uno se ne renda conto, e poi fiorisce dopo molti anni...

Sì, e tutto grazie alla mia famiglia, una famiglia molto umile e semplice, originaria del nord dell'Albania. Così sono nata a Laç, una città conosciuta soprattutto per il santuario dedicato a Sant'Antonio, molto caro a tutti gli albanesi, che si trova sulla montagna dietro il mio villaggio. Questo santuario è un luogo che mi ha sempre accompagnato nella mia vita. Infatti, fin da quando ero bambina, la scuola che frequentavo si trovava ai piedi della montagna, e proprio accanto ad essa c'era il sentiero lungo il quale, soprattutto il martedì, in occasione della festa del Santo, o di altre feste di cui all'epoca non ero a conoscenza, molte persone si recavano a pregare per l'intercessione di Sant'Antonio.

Un paese comunista 

- E questo nonostante viva in un Paese comunista?

Sì, e nonostante i rigidi divieti del sistema comunista in un Paese che, di fatto, era ateo per costituzione. La mia famiglia proveniva da un ambiente umile: mio padre lavorava in una fabbrica e mia madre in un cantiere. Oltre a me c'erano le mie due sorelle. Siamo cresciuti insieme con molta semplicità e carità, con molto amore e senso di appartenenza a quel grande dono che è la famiglia.

Nel villaggio vicino a Laç vivevano i miei nonni materni, che ho avuto più opportunità di conoscere, dato che non erano lontani. Lì ho avuto, in un certo senso, il mio primo approccio alla dimensione religiosa, che loro vivevano con grande discrezione ma, allo stesso tempo, con un profondo senso dell'esistenza di Dio. Anche se inconsciamente, oserei dire che è stato proprio quando ho visto i miei nonni che ho potuto respirare per la prima volta l'esperienza della fede.

Mia nonna si trovava ogni giorno davanti a una struttura di fronte alla casa, che non sapevo fosse la chiesa del villaggio: stava lì, in piedi, con il suo rosario in mano, e pregava. Mio nonno, invece, iniziava sempre la giornata con il rosario e solo dopo venivano tutte le altre attività. Queste pratiche mi erano sconosciute, eppure mi hanno trasmesso qualcosa della loro fede, di ciò che credevano in modo così 'accessibile': la presenza di Dio, invisibile ma visibile nei loro cuori.

Fuga dall'Albania 

- Negli anni '90 decise di fuggire in Italia: perché?

A quel tempo stavamo uscendo dalla cortina di ferro in cui si trovava il nostro Paese, e apparve il pluralismo e, con esso, la possibilità della democrazia, così molti albanesi cercarono di trovare un futuro migliore in Occidente. Personalmente, ho cercato più volte di fuggire, soprattutto in Italia. Il primo tentativo fu l'8 agosto 1991, dopo il primo esodo di massa che molti italiani e albanesi ricordano, quello di marzo, quando avevo quattordici anni.

In quell'occasione, ci fu il caso della famosa nave Vlora che trasportava circa 20.000 immigrati. Invece, la barca che avevo deciso di prendere con molte altre persone si è rotta e - oserei dire - per grazia, non è partita. Ho capito che sarebbe stato un viaggio di grande sofferenza, povertà e difficoltà. In seguito, ho fatto diversi altri tentativi per riuscire, come molti miei amici della stessa età e numerosi adulti e famiglie, a trovare un futuro migliore in Occidente.

Non era un futuro che cercavo per me stessa, ero spinta dal desiderio di provvedere anche alla mia famiglia: le mie sorelle, i miei genitori, che avevano sofferto tanto in estrema povertà e grandi persecuzioni durante la dittatura comunista.

La seconda fuga 

- E finalmente arrivò l'occasione...

Sì, nel 1993, attraverso organizzazioni ovviamente clandestine. Era la notte tra il 15 e il 16 settembre 1993, all'epoca avevo 16 anni. Certamente, alla mia giovane età, non ero consapevole di questa avventura perché, come ho detto, avevo un solo desiderio: andare in Italia. Come albanesi, conoscevamo l'Italia solo attraverso ciò che vedevamo sui canali italiani.

Il viaggio è iniziato dalla laguna della mia città natale, Patok, dove ha attraccato una barca proveniente dal Sud Italia. Eravamo in tutto quaranta persone e avevamo pagato una somma considerevole, il che era quasi impossibile per noi. Per questo motivo mi ero indebitata ma, al momento della partenza, ognuno di noi aveva necessariamente già pagato la somma di un milione e seicentomila lire, qualcosa come 850 euro, che a quel tempo, e soprattutto in un Paese come il nostro, era una somma considerevole.

Ho lasciato un pezzo del mio cuore 

Ricordo molto bene quella notte del 15 settembre: il bellissimo cielo stellato e il mare calmo. Mentre viaggiavamo e ci allontanavamo dalla riva, potevo vedere le luci del mio villaggio affievolirsi. In qualche modo, ho sentito che un pezzo del mio cuore si stava lentamente staccando. Siamo arrivati a Carovigno, in Puglia. Lì fummo prelevati e portati in una casa in rovina in mezzo agli uliveti. Poi, la mattina successiva, insieme ad altre persone, ho preso il treno per Bari e poi, nello stesso pomeriggio, per Torino. Infatti, altri amici ci aspettavano in Piemonte per aiutarci a inserirci nella realtà italiana.

Lavoro come saldatore 

- Non riesco nemmeno a immaginare quanto debba essere stato difficile....

Naturalmente, e ancora più difficile a causa dell'urgenza di pagare il debito che avevo lasciato in Albania. Quando sono arrivata in Italia - grazie a Dio - ho avuto dei connazionali che mi hanno aiutato e sostenuto nel primo periodo. Dopo Torino sono andato a Milano, dove ho sempre cercato di trovare un lavoro. Mi sono spostata a piedi, andando ovunque vedessi una gru, per entrare nel cantiere o ovunque vedessi un ristorante, per cercare di entrare come lavapiatti, ma purtroppo non è stato facile.

Altri amici mi hanno poi detto che a Cuneo, in Piemonte, c'era la possibilità di trovare qualcosa. Così sono andato lì. Mi sono stabilita lì e ho trovato subito aiuto in una casa di accoglienza fondata da Franco Mondino: Casa Ristoro e Pace. Così ho iniziato a lavorare prima come saldatore e poi sono passato all'edilizia. Il primo periodo in Italia è stato davvero pieno di difficoltà, soprattutto a causa dell'assenza della mia famiglia e del dovermi adattare a una realtà totalmente nuova. Ma in seguito, con la grazia del Signore, ho capito e apprezzato sempre di più questo periodo faticoso.

Mons. Arjan Dodaj Vescovo ausiliare di Tirana.

Don Arjan con Papa Francesco.

L'incontro con la Fraternità dei Figli della Croce

- Fino all'incontro con la Fraternità dei Figli della Croce e con la fede cristiana...

Il mio incontro con la Fraternità dei Figli della Croce, il ramo sacerdotale della Casa di Maria, è avvenuto nel 1993, precisamente a Cuneo. Lì ho conosciuto un sacerdote, Padre Massimo Allisiardi, che era coinvolto nella vita della comunità. Così, su suo invito, ho iniziato a frequentare anche il suo gruppo di preghiera, entrando sempre più in contatto con i fondatori della Casa di Maria: Padre Giacomo Martinelli e Nicoletta Reschini.

Attraverso di loro sono venuto a conoscenza dell'evento straordinario di Medjugorje, dove la Madonna appare da più di quarant'anni. Nel contesto e nella concezione di ateismo totale in cui sono cresciuta, il solo fatto di venire a conoscenza dell'esistenza di Dio e dell'apparizione di Nostra Signora, e di farne poi un'esperienza viva, è stato per me l'inizio di una vita completamente nuova.

Così, dopo un anno di discernimento, catechesi e vita spirituale, ho ricevuto il sacramento del Battesimo. In quel periodo nacque e si fece sempre più chiaro in me il desiderio di una consacrazione totale al Signore nella vita sacerdotale, insieme ad altri giovani della comunità.

Il dono vocazionale 

- Un cambiamento radicale nella sua vita...

Naturalmente! E i miei studi sono stati una conseguenza di questo viaggio e del discernimento dei miei superiori. Dopo tre anni come membro esterno della comunità della Casa di Maria (dal 1994 al 1997), sono stata definitivamente ammessa e ho così iniziato i miei studi in Filosofia e Teologia.

Certamente, nell'ambito della formazione sacerdotale, questi studi assumono un aspetto importante, anche se non sono il punto determinante. In effetti, l'incontro con la Chiesa è stato decisivo per me attraverso quella piccola realtà in cui la provvidenza di Dio mi aveva collocato: l'esperienza carismatica che il Signore mi ha dato nella Casa di Maria e nella Fraternità dei Figli della Croce, oggi riconosciuta come società di vita apostolica.

Credo che questa formazione e conversione non sia solo un fatto di come sono andate le cose, ma sia una necessità concreta e quotidiana. Ognuno di noi deve sviluppare e vivere il dono vocazionale nel contesto stabile della verifica e dell'esperienza ecclesiale e comunitaria. La chiamata del Signore è quotidiana, così come la nostra risposta, che si incarna sempre nel volto concreto della Chiesa.

Così sono stato ordinato sacerdote l'11 maggio 2003 da Papa Giovanni Paolo II nella Basilica di San Pietro.

Al servizio del Signore 

- E ora lei è il primo vescovo della fraternità - una grande responsabilità!

Francamente, nella fraternità sento di essere uno dei fratelli del Signore, come tutti gli altri, anzi il più indegno. Per me, essere vescovo non è un punto di arrivo, ma una chiamata a una vigilanza ancora maggiore, a un servizio ancora maggiore e a una risposta sempre più umile. Sento un maggiore bisogno del sostegno orante dei miei fratelli e della mia comunità, perché tutto ciò che il Signore mi ha dato in questo carisma può arricchire e servire la Sua Chiesa. Pertanto, non sono affatto scollegato dalla storia che mi ha generato.

Al contrario - come ho già detto - ho bisogno di attingere sempre di più a questa fonte vitale, per mettermi al servizio dove il Signore mi ha voluto. Ed è per questo che mi sento chiamato a contribuire con i doni che il Signore mi ha dato e con ciò che dice alla Chiesa attraverso sua Madre, il Papa e il suo Magistero, certamente nel rispetto assoluto dell'identità di questa Chiesa particolare di Tirana-Durrës.

 Fedeltà alla Chiesa 

- La fraternità dei Figli della Croce ha recentemente ottenuto il riconoscimento ufficiale: cosa è chiamata a fare nello specifico?

La nostra Fraternità del Figli della Croce, così come la comunità stessa Casa di Mariaè una realtà ecclesiale molto giovane e i suoi frutti si stanno rivelando a poco a poco, soprattutto nella fedeltà alla Chiesa. Così come non c'è frutto senza albero, ogni dono si rivela come compito di servizio alla Chiesa, secondo il disegno specifico che il Signore ha generato. Questo vale anche per la nostra realtà.

Mons. Arjan Dodaj Vescovo ausiliare di Tirana

"Per me, essere vescovo non è un punto di arrivo, ma una chiamata alla vigilanza, a un servizio ancora più grande e a una risposta sempre più umile. Sento il massimo bisogno del sostegno orante dei miei fratelli e della mia comunità". 

Mons. Arjan Dodaj.

Le sfide della Chiesa in Albania

- Quali sono le sfide che deve affrontare la Chiesa in Albania?

Beh, gli stessi che Papa Francesco ha presentato ai vescovi della Chiesa di tutto il mondo. In particolare, nella chiamata a vivere l'esperienza della vera sinodalità, cioè un cammino comunitario del Popolo di Dio. Ma se l'invito è per tutta la Chiesa, ogni realtà particolare è chiamata a renderlo operativo, ricordando la propria particolarità. Pertanto, credo che la nostra Chiesa albanese abbia inscritto la specificità del martirio. Il martirio deve essere apprezzato.

La Chiesa albanese non ha ancora affermato pienamente ciò che dice Tertulliano: Sanguis martyrum, semen christianorum. In effetti, ci sono ancora molti fratelli e sorelle che aspettano di diventare cristiani per grazia dei nostri martiri. E noi, con una crescente consapevolezza, siamo chiamati a rendere evidente la loro offerta. Un'altra peculiarità della nostra Chiesa è che è antica e nuova allo stesso tempo. Antica, perché è una Chiesa apostolica. Il primo vescovo della nostra diocesi di Durazzo fu San Cesare, un vescovo martire, uno dei settantadue discepoli del Signore.

Tuttavia, è una Chiesa evangelizzata da Paolo stesso, come dice nella Lettera ai Romani: "In ogni direzione, partendo da Gerusalemme e arrivando fino all'Illiria, ho portato a termine l'annuncio del Vangelo di Cristo" (Rm 15,19). Tuttavia, è una Chiesa nuova, perché dopo cinque secoli di occupazione ottomana e cinquant'anni di drammatiche torture, persecuzioni e annientamento per mano del comunismo, è nuova nel messaggio che riceve. È una Chiesa che ha bisogno di coltivare sempre più con gentilezza, pazienza e amore il messaggio del Signore, soprattutto nei tanti giovani che sono alla ricerca di Cristo e del suo amore.

Rapporto con la Chiesa ortodossa e con l'Islam

- Ed è anche una realtà molto complessa, considerando la presenza molto forte della Chiesa ortodossa e dell'Islam nel Paese....

Sì, e se teniamo anche conto del fatto che nella nostra arcidiocesi abbiamo un gran numero di persone che stanno iniziando il catecumenato e si stanno avvicinando all'età del matrimonio. Chiesa cattolica, diventare figli di Dio attraverso il Battesimo. Qui in Albania, il rapporto con l'Islam e la Chiesa ortodossa è molto particolare, se non unico. Lo stesso Papa Francesco lo ha portato nel mondo come esempio di cooperazione fraterna.

È chiaro che si tratta di un dono che non possiamo mai dare per scontato, ma che dobbiamo coltivare, accompagnare e sostenere, ogni giorno. Proprio per questo motivo incontriamo spesso i vari leader religiosi in diverse commissioni, per presentare loro iniziative di valore nei settori della cultura, dell'istruzione, delle donne, degli immigrati e della carità. Tali iniziative cercano di sollecitare e risvegliare nella società, nelle istituzioni e, soprattutto, nei cuori delle persone quel bisogno di unità e comunione che solo lo "spirito di coloro che credono" (cfr. Atti 4:32) può rendere evidente.

Affrontare la situazione dei migranti 

- Lei stessa è stata una migrante e oggi questo tema è più vivo e doloroso che mai: da un lato la tragedia della perdita di decine di migliaia di vite ogni anno nel Mediterraneo, dall'altro la paura di perdere l'identità, la fede e la sicurezza economica e sociale per il fatto di essere troppo aperti ad accogliere così tante persone in difficoltà. Come pensa che si possa affrontare tutto questo?

Credo che non esista una risposta chiara e definitiva a questa domanda, perché abbiamo sempre a che fare con persone reali, con una storia, a volte segnata da ferite, sofferenza e dolore, ma anche da tanta speranza. Siamo chiamati a rispondere ai desideri reali del cuore umano, senza mai perdere di vista la responsabilità di alimentare quelle stesse speranze nei Paesi ospitanti.

Naturalmente, questo non significa cancellare la cultura del Paese ospitante; non si offre un'accoglienza migliore perdendo la propria identità. Se non sappiamo chi siamo, non possiamo sapere chi stiamo accogliendo. È quindi necessario riscoprire la bellezza della ricchezza dell'incontro tra culture, così come la difesa della propria identità. Solo in questo modo ci sarà un vero arricchimento che porterà alla complementarietà. Altrimenti, corriamo il rischio di vivere in una società che cerca solo di normalizzare tutto e tutti.

Quindi, alla fine, posso dire che la risposta sta nell'amore e nel servizio che viene dalla fede di un popolo che, come l'Italia, ad esempio, sa essere accogliente e generoso allo stesso tempo; che sa riconoscere la propria identità in quelle radici lontane nel mondo dell'arte e della cultura e in tante altre cose, certo, ma soprattutto in quelle radici della fede cristiana cattolica.

All'Università Pontificio della Santa Croce 

- Alla Pontificia Università della Santa Croce abbiamo un piccolo mondo segnato da tutto ciò che lei dice, e anche il piacere che la Fraternità dei Figli della Croce, che è la sua famiglia di origine nella fede, come molte altre realtà della Chiesa universale, abbia la possibilità di ricevere una formazione adeguata per affrontare tutte queste sfide a livello globale.

Sono molto grato a nostro Signore per tutte queste realtà che, come l'Università della Santa Croce, nascono dall'opera profetica che San Josemaría Escrivá ha saputo dare alla Chiesa attraverso la Prelatura dell'Opus Dei. Insieme, chiediamo la grazia che nella Chiesa e nel luogo in cui ci troviamo, sappiamo sempre portare quella grazia che nostro Signore ha seminato nei cuori dei santi. In effetti, anche noi, ereditando questi doni della loro offerta e risposta, possiamo a nostra volta essere inclusi nel segno della profezia che essi furono in grado di proclamare. Così, insieme possiamo diventare un seme di profezia e di speranza per tutti coloro che incontriamo. Grazie.

Grazie mille a lei, monsignore.

Gerardo Ferrara
Laureata in Storia e Scienze politiche, specializzata in Medio Oriente.
Responsabile degli studenti della Pontificia Università della Santa Croce a Roma.

I sacerdoti, il sorriso di Dio sulla terra

Date un volto alla vostra donazione. Aiutaci a formare sacerdoti diocesani e religiosi.

Articoli correlati