Seleccionar página
CARF
14 nov, 22

Testimonianze di sacerdoti

simon_muhangwa

"Prima di formarti nel grembo materno, ti ho scelto", Temesgen (Etiopia)

Temesgen è un sacerdote etiope che sta studiando a Roma presso la Pontificia Università della Santa Croce grazie a una borsa di studio del CARF. Sta studiando teologia biblica perché nel suo Vicariato non c'è nessun sacerdote formato in questa materia. Ci racconta la sua testimonianza.

Temesgen, sacerdote etiope a Roma

 Temesgen Bekele Wecho è un sacerdote del Vicariato di Osanna, Etiopia. Nato a Hobchaka nel 1987, frequenta la Pontificia Università della Santa Croce a Roma per laurearsi in Teologia Biblica, grazie a una borsa di studio della Fondazione CARF - Centro Accademico Romano.

 Si tratta di una grande sfida, in quanto attualmente è l'unico studente del suo Paese all'Università della Santa Croce e, inoltre, sta affrontando un ciclo di studi molto difficile, in quanto il baccellierato in Teologia Biblica richiede, prima dei due anni canonici, un anno "integrativo" per intraprendere e approfondire lo studio delle due principali lingue bibliche, che sono il greco antico e l'ebraico.

Tuttavia, padre Temesgen è chiaro e la Parola di Dio, nella Bibbia, attraverso il profeta Geremia, è incisa nel suo cuore.

 "Il piano di Dio per me

 Da quando ero bambino -ci dice. Dio aveva un piano per me e mi ha reso possibile venire all'altare del Signore per servire come sacerdote.

Non è stato così facile, perché sono nato nella zona più remota dell'Etiopia, nel sud del Paese, una regione chiamata Durame (Hobichaka). Ho sei sorelle e due fratelli. Mio padre, mia madre e tutti i miei fratelli e sorelle sono vivi e sono tutti fedeli cristiani cattolici. Sorprendentemente, sono il primo maschio nato dopo sei femmine.

La mia famiglia non dispone di molte risorse, poiché sopravvive con un'agricoltura di sussistenza. Ed è lì che inizia la storia della mia vocazione. Da bambino, il desiderio di diventare sacerdote cresceva in me, soprattutto quando i sacerdoti celebravano la messa.

"Prima di formarti nel grembo materno, ti ho scelto".

Man mano che crescevo, il desiderio diventava sempre più forte e ho sempre sperato che questo sogno si realizzasse, seguendo le parole del profeta Geremia che dice: "Prima di formarti nel grembo materno, ti ho scelto; prima che tu uscissi dal grembo materno, ti ho consacrato; ti ho costituito profeta delle nazioni" (Geremia 1:5).

Confidavo in Dio e ammiravo il grande lavoro e la grande opera che la Chiesa cattolica in Etiopia stava facendo e nella mia diocesi, il Vicariato di Osanna, e in tutto il Paese, per esempio, contribuendo all'istruzione e costruendo scuole. Si occupa anche del settore sanitario, aiutando i deboli e i poveri.

Volevo anche far parte di quell'opera che stava crescendo sotto i miei occhi e grazie a Dio è stato così, perché dopo essermi formato nel mio Paese per diventare sacerdote, sono stato ordinato il 15 marzo 2016. Temesgen divenne così sacerdote d'Etiopia.

Temesgen Bekele Wecho, sacerdote etiope.
Temesgen Bekele Wecho, nella foto con i genitori, è nato in una delle zone più remote dell'Etiopia, nel sud del Paese, una regione chiamata Durame (Hobichaka). "Ho sei sorelle e due fratelli. Mio padre, mia madre e tutti i miei fratelli e sorelle sono vivi e sono tutti fedeli cristiani cattolici. Sorprendentemente, sono il primo maschio nato dopo sei femmine", racconta.

La sua famiglia non ha molte risorse e sopravvive con un'agricoltura di sussistenza, il luogo dove è iniziata la storia della mia vocazione. "Da bambino, il desiderio di essere sacerdote cresceva in me, soprattutto quando i sacerdoti celebravano la messa e quando vedevo il grande lavoro della Chiesa cattolica nel mio Paese", racconta.

Un compito molto difficile

 Da quando sono stato ordinato, sapevo che il lavoro che mi aspettava nella mia diocesi non sarebbe stato così facile. Quindi appartengo alla Chiesa cattolica etiope, che è una realtà dinamica.ma è una minoranza nel Paese, dove la maggioranza dei cristiani appartiene alla Chiesa ortodossa etiope.

Inoltre, la stessa Chiesa cattolica ha, nel mio Paese, due riti specifici: quello latino e quello ge'ez (rito etiope). Quelli di noi che seguono il rito latino dipendono direttamente dalla Santa Sede.

"Il mio vicariato segue il rito latino".

Il Vicariato Apostolico di Osanna segue il rito latino ed è esente da missione, cioè è direttamente soggetto alla Santa Sede, attraverso la Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli, e non fa parte di alcuna conferenza ecclesiastica locale; si trova nella parte meridionale dell'Etiopia, a 235 km dalla capitale Addis Abeba.

È il vicariato più giovane, eretto il 20 gennaio 2010. Ci sono più di 120.000 cristiani cattolici e Sua Eccellenza Mons. Seyoum Fransua è Vicario Apostolico.

Quaranta sacerdoti 

Come si può notare, si tratta di una realtà particolare e complessa e oggi conta su con più di quaranta sacerdoti e un diacono permanente. Tuttavia, tra tutti questi sacerdoti, solo quattro sono laureati in diverse facoltà, poiché il mio Vicariato è il più giovane e il più povero. Uno di loro è il sacerdote Temesgen, proveniente dall'Etiopia.

Ha bisogno, quindi, di un maggiore sostegno in diversi ambiti e compiti, soprattutto perché i sacerdoti, per poter esercitare il loro compito di cura del popolo di Dio, devono essere ben formati in diversi campi dell'educazione, specialmente negli studi ecclesiastici.

"Ho ammirato il grande lavoro che la Chiesa cattolica stava facendo in Etiopia, per esempio, contribuendo all'istruzione, costruendo scuole e aiutando i più poveri. Volevo anche essere parte di quell'opera che stava crescendo sotto i miei occhi e grazie a Dio lo sono stato, perché dopo la formazione per diventare sacerdote nel mio Paese, sono stato ordinato il 15 marzo 2016.

Studi a Roma

E ora sono qui a Roma proprio perché sono uno di quei sacerdoti che hanno bisogno di formazione per approfondire lo studio e il lavoro con il popolo di Dio.

Grazie a una borsa di studio della Fondazione CARF, Centro Accademico Romano, sto studiando Teologia Biblica presso la Pontificia Università della Santa Croce. e vivere in una realtà così bella come la Collegio Sacerdotale Tiberinodove posso condividere con altri sacerdoti di tutto il mondo la cattolicità della Chiesa e la vita tra fratelli nella fede e nel ministero.

Il motivo per cui sto studiando teologia biblica è che nel mio Vicariato non c'è nessuno con questo tipo di formazione. È anche nel mio interesse poter contribuire alla vita e alla missione della Chiesa nel mio Vicariato una volta terminati gli studi, aiutando a formare altri sacerdoti come me.

Un sincero ringraziamento ai benefattori

All'inizio la vita qui non è stata facile, a causa della lingua e dello shock culturale, ma ho studiato duramente e lavorato molto duramente, quindi sto prendendo sempre più confidenza, sono ogni giorno più felice di essere qui e di godermi i miei studi.

Sono molto grato ai miei benefattori del CARF, Centro Academico Romano Foundation, per avermi dato questa opportunità. Il Vicariato e la mia famiglia sono così poveri che non hanno la capacità finanziaria di pagare i miei studi. Quindi devo a voi il fatto di essere qui, e anche la Chiesa d'Etiopia vi è molto grata.

Non ho nemmeno parole adeguate per esprimere il mio sincero ringraziamento. Voglio solo assicurarvi che prego per voi. Maggio Dio benedica voi e le vostre famiglie in tutti i vostri sforzi.

Gerardo Ferrara
Laureata in Storia e Scienze politiche, specializzata in Medio Oriente.
Responsabile degli studenti dell'Università della Santa Croce a Roma.

I sacerdoti, il sorriso di Dio sulla terra

Date un volto alla vostra donazione. Aiutaci a formare sacerdoti diocesani e religiosi.

Articoli correlati